Fu il noto architetto van der Rohe a sostenere che la nascita dell’architettura è avvenuta quando “due mattoni sono stati messi uno accanto all’altro”. Il mattone , dunque, è il primo elemento architettonico conosciuto al mondo, utilizzato per millenni in ogni tipo di costruzione, e ancora oggi, è il principale materiale utilizzato nel campo dell’edilizia. Negli ultimi anni poi, la sua bellezza naturale è stata riscoperta dai designer contemporanei, che li utilizzano come punto focale per gli stili industriale e shabby chic, riportando alla superficie i mattoni antichi su porzioni di muro o addirittura intere pareti.

L’impatto che donano i mattoni a vista è sicuramente suggestivo e richiama atmosfere familiari, calde e rustiche, riuscendo a valorizzare ogni tipo di arredamento, da quello più classico, a quello piùmoderno che coniuga materiali come metallo e legno. Ma come possiamo scoprire se una delle nostre pareti è composta da mattoni pieni, e come possiamo fare per riportarli in superficie? Vediamolo insieme!

Oltre l’intonaco: come scoprire i mattoni

Se vogliamo scoprire se anche noi abbiamo la fortuna di possedere una o più pareti costruite con mattoni pieni, dobbiamo prima di tutto procedere con una prima verifica empirica: scegliamo un punto della stanza piuttosto occultato e iniziamo a trapanare il muro su una piccola porzione. Se troviamo subito forte resistenza e la polvere che fuoriesce è rossa e molto abbondante, allora abbiamo vinto e possiamo procedere all’eliminazione dell’intonaco per riportare in superficie i vecchi mattoni nascosti.

Quindi, grazie all’ausilio di uno scalpellino, potremmo iniziare a rimuovere l’intonaco, facendo attenzione a non rovinare i mattoni pieni. Una spazzola metallica, poi, ci aiuterà ad eliminare tutti i residui più resistenti. A questo punto sarà necessario procedere con un processo di sabbiatura. Grazie a questa tecnica che utilizza la pressione dell’aria e materiali sabbiosi mescolati ad acqua, la parete verrà pulita definitivamente e l’intonaco sparirà in modo risolutivo.

A questo punto del lavoro sarà importante valutare lo stato dei mattoni riportati in superficie, infatti questi potrebbero essere particolarmente rovinati o scheggiati e quindi risultare esteticamente poco piacevoli. Sostituire gli elementi più rovinati con mattoni antichi originali è la procedura sicuramente più adatta per mantenere e preservare integralmente la bellezza del muro. L’ultimo passaggio consisterà nell’applicare uno strato di impregnante a effetto naturale, per isolare la parete, ed evitare il fastidioso effetto “spolveramento”.

Villani, recupero di mattoni antichi

Villani Materiali di Recupero Antichi si occupa di recuperare e riportare all’antico splendore, mattoni antichi, pavimentazioni e lastricati, in maniera artigianale, direttamente a casa vostra, garantendovi una ristrutturazione a regola d’arte, sia in laboratorio che a domicilio.

All’interno del catalogo di Villani, potrete trovare una vasta gamma di mattoni, arredi e complementi antichi, ma anche parquet e mattonelle in maiolica, provenienti, quasi esclusivamente, dal territorio italiano. Visita il sito oppure vienici a trovare nel nostro laboratorio. Un team formato dai migliori esperti del settore vi accoglierà per consigliarvi al meglio.

English EN Français FR Italiano IT Русский RU